Rimpasto Raggi certifica fallimento Giunta

Rimpasto Raggi certifica fallimento Giunta

Il maxi rimpasto di Giunta operato oggi dalla Raggi è la certificazione ultima del totale fallimento di oltre tre anni di amministrazione. Al di là degli artifici retorici utilizzati oggi dalla Sindaca per spiegare le ragioni del rimpasto, il cambio degli assessori in settori strategici come trasporti, casa, politiche sociali e lavori pubblici, suona come una clamorosa ammissione di responsabilità da parte della Raggi per i risultati disastrosi della sua Giunta. Risultati che i cittadini romani, e i turisti, vivono e pagano purtroppo tutti i giorni.

Comunque la si voglia mettere, i continui cambi di assessori in tre anni e mezzo sono la cifra di un’amministrazione che naviga a vista, che procede nell’incertezza, senza riuscire a programmare e ad avere la benché minima visione di città moderna e proiettata al futuro. Nel continuo tourbillon di assessori e di vertici delle società partecipate, l’unica certezza purtroppo è il disastro di questa amministrazione.

 

Ama, dopo le audizioni alla Pisana il consigliere Patanè spiega in 20 pagine dubbi e sospetti sulla vicenda del bilancio

Ama, dopo le audizioni alla Pisana il consigliere Patanè spiega in 20 pagine dubbi e sospetti sulla vicenda del bilancio

Articolo presente su: Cinque Quotidiano

Per chiarire gli sviluppi della situazione relativa al bilancio 2017 Ama, delle dimissioni dell’ex AD Bagnacani e della ex assessora Montanari, il consigliere regionale del Pd Eugenio Patanè dedica 20 pagine che definisce “integrazione relazione Presidente (della X Commissione Consiliare) Cacciatore (M5s)” che aveva liquidato mesi di audizioni con qualche succinta paginetta. 

Leggi di più

Sgomberi. Patané: “Riformare la legge 12”

Sgomberi. Patané: “Riformare la legge 12”

Articolo presente su: RomaToday.it

Sgomberi, maggioranza e M5S in consiglio regionale scrivono alla prefetta: “Sospenda le operazioni”

La maggioranza di centrosinistra e gli esponenti del M5S del consiglio regionale del Lazio scendono in campo contro gli sgomberi delle occupazioni. Nel pomeriggio dalla Pisana è stato elaborato un documento che verrà inviato dal vicepresidente della giunta regionale alla prefetta di Roma, Gerarda Pantaleone, Leggi di più

Mentre Raggi straparla, Zingaretti risolve emergenza rifiuti a Roma

Mentre Raggi straparla, Zingaretti risolve emergenza rifiuti a Roma

Mentre la Sindaca Raggi straparla, il Presidente Zingaretti aiuta la Capitale a risolvere l’emergenza rifiuti con un’ordinanza che dispone a tutto il sistema impiantistico del Lazio di garantire la massima operatività autorizzata per accogliere i rifiuti prodotti dalla città di Roma.

Grazie all’ordinanza del Presidente Zingaretti la Regione, con grande senso istituzionale, risponde all’appello del Ministro Costa e si fa carico dei problemi di Roma mettendo a disposizione tutti gli impianti di trattamento dei rifiuti del Lazio, imponendo tra l’altro ad Ama una forte accelerazione su raccolta, pulizia e stazioni di trasferenza. In questa maniera l’amministrazione regionale si sostituisce a Roma Capitale, inefficiente e immobile come sempre, scongiura lo spettro dell’emergenza sanitaria ed evita un altro duro colpo all’immagine della città eterna, che rischiava di trasformarsi in un’autentica discarica a cielo aperto.  

Tutto ciò mentre la Raggi continua a raccontare falsità per attaccare l’Amministrazione regionale e non riesce ad individuare di meglio che un’area di trasbordo per i rifiuti a Saxa Rubra, nonostante il voto unanime e contrario del XV Municipio perché andrebbe a creare gravi disagi alla mobilità su via Flaminia e nei pressi del nodo di scambio della vicina stazione. Sull’emergenza rifiuti emerge dunque, ancora una volta, in maniera evidente la distanza abissale tra l’amministrazione del fare di Zingaretti e quella delle fake news della Raggi.